Abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR) garantisce. Ti invitiamo a prenderne visione. Accettando acconsenti.

A meno che il giardino non sia di dimensioni estremamente ridotte, non si disporrà quasi certamente di una portata d’acqua sufficiente per innaffiarlo tutto contemporaneamente. Peraltro alcune parti del giardino richiedono una quantità d’acqua superiore a quella disponibile al rubinetto (capacità nominale).

Il giardino deve essere diviso in circuiti. Iniziare con la zona A:

  1. Riportarsi alla pressione di utilizzazione che servirà per determinare la distanza tra gli irrigatori e la portata necessaria secondo la tabella delle caratteristiche.
  2. Trascrivere la portata di ciascun irrigatore della zona nell’apposito spazio
  3. Sommare i valori e dividerli per la portata totale d’acqua disponibile per avere il numero di circuiti necessari alla zona.
  4. Se il numero totale di circuiti non è un numero intero, arrotondarlo per eccesso (1,2 diventa 2). In questo modo si avrà il numero totale di valvole necessarie per gli irrigatori della zona.
  5. Disponendo ora del numero esatto di circuiti del proprio giardino, dividere il numero di irrigatori in modo da avere approssimativamente la stessa portata d’acqua in ogni circuito. Non prevedere troppi irrigatori nella stessa zona. Tenersi entro i limiti compatibili con la capacità nominale del proprio impianto.
  6. Disegnare ed identificare le elettrovalvole di ogni zona (Zona 1, Zona 2, ecc.).
  7. Ripetere le operazioni per tutte le zone.

 

Esempio di capacità per zona