Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Impianto di irrigazione per prato, guida alla realizzazione

Impianto irrigazione interrato per prato Fai da te. Guida alla realizzazione

Impianto irrigazione interrato per prato Fai da te. Guida alla realizzazione
4.1 (81.86%) 86 voti

Realizzare un impianto di irrigazione interrato per il prato è semplice e può trasformarsi in un’attività fai da te divertente da condividere con la famiglia. In questa guida ti spieghiamo come fare.

Un impianto di irrigazione interrato ed un bel prato renderanno il nostro giardino più bello, ottimizzando l’utilizzo dell’acqua e automatizzando i cicli di irrigazione.

L’impianto di irrigazione interrata per il prato offre tanti vantaggi:

  • Possibilità di irrigare anche in nostra assenza
  • Riduzione degli sprechi
  • Diversificare l’irrigazione per ogni tipo di coltura
  • Lasciare il prato libero: gli irrigatori sono nascosti nel terreno e si attiveranno solo all’avvio del ciclo di irrigazione

Possiamo realizzare il nostro impianto attraverso il fai da te, senza avvalersi di un tecnico.
Attraverso questa guida spiegheremo passo passo le varie fasi necessarie alla realizzazione di un impianto di irrigazione interrata.

Puoi scaricare la guida alla progettazione e realizzazione di un impianto di irrigazione interrato per prato da questo link, stamparla e leggerla comodamente. E’ un PDF da 9,3mb in formato A4.

Guida realizzazione impianto irrigazione prato

Realizzazione dell’impianto di irrigazione del prato

Questa guida ti accompagnerà passo passo nella progettazione e nella realizzazione fai da te del tuo impianto di irrigazione interrato.

L’impianto di irrigazione interrato: i componenti

Impianto di irrigazione interrato per prato. I componenti

I principali componenti di un impianto di irrigazione interrato sono:

  • La centralina per irrigazione, o programmatore, è da considerarsi il cervello dell’impianto
    La centralina ha la funzione di avviare o interrompere l’irrigazione. Si può programmare, scegliendo giorni, durate e zone per l’irrigazione.
  • Gli irrigatori da giardino a scomparsa, anche detti pop-up sono degli irrigatori che vengono installati interrati a filo di prato.
    Attraverso la pressione dell’acqua, quando l’impianto è in funzione, si sollevano e cominciano ad irrigare.
  • Le elettrovalvole per irrigazione sono delle valvole che, comandate elettricamente dalla centralina, si aprono e chiudono.
    La centralina per irrigazione aziona le elettrovalvole aprendole quando abbiamo programmato l’irrigazione, e chiudendole al termine
  • I Tubi per irrigazione
    Sono dei tubi in polietilene che vanno interrati, a cui si collegano gli irrigatori da giardino
  • Raccordi per irrigazione
    Tutti i componenti di un impianto di irrigazione vanno collegati tra di loro attraverso raccordi per irrigazione in plastica

Vuoi approfondire: abbiamo creato una completa guida ai componenti di un impianto di irrigazione interrato per prato

Componenti impianto irrigazione

Scegliere gli irrigatori da giardino a scomparsa

Scegliere gli irrigatori da giardino a scomparsa

Gli irrigatori da giardino a scomparsa vanno scelti in base alle dimensioni del prato: utilizzeremo irrigatori statici per prati di piccoli e medie dimensioni, irrigatori dinamici per prati dove la gittata deve essere superiore ai 5 metri. Per gittata si intende il getto di un irrigatore: se paragoniamo la superficie irrigata ad un cerchio con l’irrigatore in mezzo, la gittata è il raggio di questo cerchio, quindi un irrigatore con gittata da 5 metri irrigherà un diametro di 10 metri.

Vuoi conoscere le differenze tra irrigatori statici e dinamici e i principali modelli, marche e prezzi? Leggi la nostra guida sulla scelta degli irrigatori statici o dinamici

Irrigatori statici o dinamici

Posizionare e disporre gli irrigatori

Disporre e posizionare gli irrigatori a scomparsa in impianto irrigazione interrato

Gli irrigatori vanno posizionati secondo due criteri stabiliti, al fine di avere una buona uniformità di irrigazione ed evitare zone secche nel prato.

  • I getti devono quasi completamente sovrapporsi, questo significa che il primo irrigatore dovrà raggiungere con il suo getto l’irrigatore contiguo.
  • Si comincia dagli angoli, posizionando su ogni angolo un irrigatore, poi si procede sul perimetro, e solo se il prato è molto grande si dispongono gli irrigatori nelle zone centrali del prato.

Abbiamo scritto un articolo dettagliato sul posizionamento degli irrigatori nel prato, con schemi e con un video, ti invitiamo a leggere

Posizionamento irrigatori a scomparsa

Dividere l’impianto in zone e progettare l’impianto

Dividere l'impianto di irrigazione interrato in zone

Se il nostro impianto idrico non ha sufficiente portata saremo costretti a dividere l’impianto di irrigazione interrato del prato in più zone.
Facciamo un esempio pratico:

  • Il nostro impianto eroga 60 litri al minuto
  • Abbiamo intenzione di realizzare un prato con 12 irrigatori, che consumano ognuno 8 litri al minuto

Appare chiaro come il consumo dell’impianto in funzione sia di 96 l/min (8 l/m x 12 irrigatori), mentre la portata del nostro impianto è di soli 60 l/min.
Saremo in questo caso costretti a realizzare un impianto di irrigazione in due zone.

Sembra complesso determinare la portata del nostro impianto e i consumi degli irrigatori, in realtà è un’operazione molto semplice. Se vuoi approfondire abbiamo realizzato un articolo completo con schemi ed esempi

Dividere l’impianto in zone

Scavare le tracce nella terra per i tubi di irrigazione

Scavare tracce nella terra per tubi impianto irrigazione interrato prato

Una volta progettato il nostro impianto di irrigazione interrato possiamo passare materialmente alla realizzazione, scavando le tracce per i tubi per irrigazione da interrare.
Lo scavo può essere fatto senza fatica rivolgersi ad un escavatore, attraverso un semplice metodo.
Possiamo cominciare scavando superficialmente nel terreno le canalette e poi riempirle d’acqua. Basterà aspettare qualche minuto e il terreno sarà morbido, questo ci permetterà di scavare diversi altri centimetri senza sforzo.
Ripetiamo l’operazione di riempimento di acqua e di scavo fino a quando non avremo realizzato delle tracce profonde circa 20 cm.

Realizzare l’impianto montando i raccordi e collegando gli irrigatori

Montare e installare gli irrigatori in un impianto interrato di irrigazione per prato

A questo punto non ci resta che assemblare l’impianto di irrigazione interrato collegando i raccordi al tubo e gli irrigatori da giardino a scomparsa.
Per prima cosa svolgeremo il tubo per irrigazione all’interno della traccia scavata, tagliandolo nei punti dove l’impianto effettua una curva o dove partono più derivazioni. Gli spezzoni di tubo si collegano tra di loro attraverso i raccordi a compressione: si tratta di raccordi specifici per irrigazione molto semplici da utilizzare: sarà sufficiente inserire al loro interno il tubo e avvitare la ghiera sino a serrarla.
Dobbiamo evitare che il tubo abbia strozzamenti, quindi installeremo un gomito dove il tubo fa una curva, e una Tee dove si divide in due.

Posizionato il tubo e ultimati i collegamenti tramite i raccordi, possiamo collegare gli irrigatori. Ci sono molti modi per collegare gli irrigatori al tubo, ti invitiamo a leggere il nostro articolo su come installare gli irrigatori.

Installare gli irrigatori

Installare le elettrovalvole per irrigazione nel pozzetto

Installare le elettrovalvole nel pozzetto

Se l’impianto è realizzato in più zone, consigliamo l’installazione di un pozzetto dove posizionare le singole elettrovalvole e da cui far partire i tubi di irrigazione per le varie zone. L’installazione di un pozzetto per elettrovalvole è la soluzione migliore per diverse ragioni:

  • Le elettrovalvole sono protette
  • Il pozzetto è esteticamente perfetto, i componenti sono interrati e non visibili, il coperchio verde si integra con il prato
  • Il tappo apribile semplifica le operazioni di pulizia e manutenzione

Vuoi sapere come scegliere il pozzetto, come si collegano le elettrovalvole per irrigazione, quali raccordi utilizzare? Leggi la nostra guida

Installare le elettrovalvole nel pozzetto

La nostra guida termina qui, seguendo i nostri consigli potrai realizzare un impianto di irrigazione completo e regola d’arte, perfettamente funzionante e dimensionato correttamente.
Upgrade articolo del 22 gennaio 2018

Commenti (15)

  • Salve
    articolo molto molto interessante, però ho una domanda di cui non ho trovato risposta dei vari articoli. Ho appena comprato una casa nuova con un giardino grandicello (circa 400mq totali). La casa è dotata di acqua da bonifica con portata abbastanza alta (dovremmo essere intorno ai 4m3/h) il che mi consente di usare un impianto a 1 zona (ho fatto un calcolo usando il vostro articolo e dovrei cavarmela installando 11 irrigatori dinamici). Dato che al momento non c’è impianto elettrico che arriva al giardino, avrei pensato di installare una centralina a batteria con 1 elettrovalvola, ma essendo appunto 1 sola elettrovalvola non mi conviene evitare di fare il pozzetto? non mi conviene installare l’elettrovalvola direttamente a valle del rubinetto principale con li vicino installata la centralina (ovviamente da esterno) senza nessun pozzetto?
    grazie mille
    saluti
    Luigi

    • Mondoirrigazione.it

      Salve,
      per le centraline da pozzetto è preferibile l’installazione dentro un pozzetto per 2 ragioni:
      – Protezione del programmatore
      – Facilità di manutenzione
      Sei tratta di prodotti IP68 certificati, ma evitare di installarli direttamente all’esterno è buona pratica che ne allunga la vita utile, proteggendoli da pioggia e agenti atmosferici.
      Saluti

  • Fatto impianto di irrigazione del mio giardino circa 20 anni fa. E’ suddiviso in 7 zone più una per le ali gocciolanti. Ho voluto raggruppare pompa ed elettrovalvole, collegate una ad una con due ‘tre pezzi’, in un unico luogo fuori terra e protetto, Le sette linee partono tutte da questo luogo(tubo 32mm PN10). Gli irrigatori, dove possibile, collegati a questi tubi con le staffe apposite anzichè utilizzare una montagna di raccordi a pressione(soluzione molto più rapida da mettere in opera oltre che decisamente più economica. Controllo dell’impianto via PLC opportunamente programmato che, se ostico da utilizzare, permette una flessibilità totale. Il tutto funziona ancora salvo la sostituzione di qualche irrigatore per mal funzionamento o modifica della disposizione.

  • Salve volevo un vostro parere , per quanto riguarda il percorso del impianto con tutti gli irrigatori è più corretto finire con un irrigatore , o dal l’ultimo tornare al primo per avere un giro d’acqua continuo , chiedo scusa se non mi sono spiegata correttamente .

    • Mondoirrigazione.it

      Salve, non è necessario chiudere l’impianto, creando una linea ad anello. E’ importante però evitare irrigatori troppo lontani e delle linee particolarmente lunghe, uno schema può essere creare una zona ad “U” collegata con la tubazione principale al centro, in maniera da avere gli irrigatori distribuiti su due lati.

  • Vedo che non viene installato ne suggerito un rubinetto di scarico acqua a fine stagione, quando gela che succede?
    Come bisogna comportarsi?
    Grazie

    • Mondoirrigazione.it

      Idraulicamente è possibile, ma sconsigliato in quanto cambiano i tempi di irrigazione. Un irrigatore dinamico ruotando ha bisogno di più tempo per irrigare, circa 3-4 volte superiore. Per questo è necessario gestire statici e dinamici in zone separate, a cui assegnare tempi di irrigazione specifici.

  • voglio installare un impianto di irrigazione, ho un prato 8 mt x 5 mt, quanti irrigatori devo installare?
    meglio sui lati ho al centro?

    • Mondoirrigazione.it

      Salve, può installare irrigatori con raggio da circa 5 metri, 4 sugli angoli e 2 perimetrali al centro del lato da 8 metri.

  • Salve, ho un Prato di 15×15 metri, impianto alimentato da una pompa sommersa da 1,5 hp.. quanti e in che disposizione mi consigliate pop up dinamici da 3/4 o da 1/2 ?

  • buon giorno ,ho un giardino di 90 mq ,con irrigazione atomatica, 9 punti,preplevando l acqua dal pozzo 4 metri circa avevo consigliato di mettere un filtro x eventuali impirità,sabbia o ruggine, e la seconda volta che sostituiscono le valvole e dopo un po di tempo perdono acqua….un consiglio? grazie

    • Mondoirrigazione.it

      Ciao Sergio, un filtro è sicuramente molto importante, ti consiglio inoltre di effettuare almeno una volta l’anno una manutenzione, smontando il coperchio della valvola e pulendo i componenti interni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Stay Connect

Il Blog di Mondoirrigazione è interamente dedicato all’irrigazione del prato, dell’orto, del giardino. Uno spazio ricco di risorse e approfondimenti.
Seguici, troverai guide, recensioni e consigli utili.
Buona Lettura!